Ottenere dei prestiti con la pensione minima si può?

prestiti con la pensione minima

Ottenere dei prestiti con la pensione minima

I pensionati possono ottenere dei prestiti con la pensione minima

Questi prestiti, non sono accessibili a tutti visto che la legge vuole che ogni persona possegga ogni mese una cifra costante per il pagamento delle bollette e utili per altre spese.

Tale importo per i pensionati deve essere almeno pari alla pensione minima.

Questo concetto si riferisce al valore minimo di denaro che bisogna avere per sopravvivere, ed esso non comprende la garanzia per l’ottenimento di un prestito personale.

Soglia minima di sopravvivenza

La pensione minima è esattamente questo!
Approfondiremo a seguire tale tema.
Basti sapere però che l’importo minimo di sopravvivenza per una persona viene calcolato su basi statistiche.

Anche se purtroppo queste spesso vengono falsate da parametri inidonei.

Ne consegue tuttavia che non tutti i pensionati possono ottenere un prestito con la loro pensione.

Ottenere dei prestiti con la pensione minima: Definizione di pensioni minime

La pensione minima è il trattamento economico minimo obbligatorio e necessario normato e deciso dalla legge, che tutti i soggetti pensionati devono ottenere e vedersi garantito per poter vivere, viene elargito mensilmente.
Per il 2017 l’importo della pensione minima era di 501,38€ al mese.

Tale importo minimo si comprende che non possa essere toccato ne intaccato in alcun modo.
Specie se si considera che un prestito deve essere rimborsato attraverso delle rate, nemmeno quando venga ottenuto attraverso la cessione del quinto.

Quindi da tale considerazione, e basandosi sulla legge vigente e sulle normative, emerge che:

  1. Un prestito può essere richiesto unicamente da pensionati che possono vantare un emolumento mensile che sia oltre la soglia minima
  2. I pensionati al minimo possono trovare altre forme di finanziamento

Un esempio di prestito personale verso una persona con la pensione minima

Occorre comunque portare un esempio concreto di come potrebbe funzionare una pensione minima riguardo ai prestiti personali, in modo da comprendere meglio il concetto (fonte: https://iprestitipensionatipensioneminima360.wordpress.com/).
Partiamo da alcune condizioni come quelle a seguire:

  • Pensione mensile netta pari a 1.000€ (non è una pensione minima)
  • Importo cedibile (quota massima) 200€ ovvero un 1/5 della pensione
  • Rimangono dopo la cessione della quota di 200€, 800€ di pensione

Il valore rimanente supera la quota della pensione minima quindi è possibile effettuare la Cessione del Quinto per l’ottenimento di un prestito.

Alcune soluzioni alternative rispetto all’esempio sopra riportato esistono comunque ma va tenuto presente il fatto che il minimo legale va ad influenzare in maniera rilevante sul calcolo di un finanziamento e sulla procedura di rimborso e siccome per la normativa ancora vigente il minimo rimane “sacro”.
Secondo ciò che prevede lo Stato Italiano rispetto alla materia pensionistica e quindi questo minimo non può venir in alcun modo compromesso ne intaccato con prestiti, rate o rimborsi.

In conclusione i prestiti destinati a persone pensionate che hanno la pensione minima sono ottenibili, ma solo ricorrendo ad altre strade.
Tra le quali rientrano le opzioni dei prestiti vitalizi.

Essi sono basati sul possedimento di un immobile di proprietà, che viene fornito a garanzia della copertura rateale finanziata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*